Così è nato il lapsus di Fontana sulla fine della razza bianca

Libera ricostruzione dei retroscena della cazzata che ha rilanciato l’aspirante presidente della regione Lombardia

«Questo Fontana sarà anche un brav’uomo ma non lo conosce nessuno». Così reagirono Berlusconi e la Meloni alla proposta di Salvini, che proponeva il sindaco leghista di Varese come candidato del centro destra alla regione Lombardia. «Dobbiamo inventarci qualcosa che aumenti la sua notorietà», concordarono i tre leader. «Qualcosa di forte, che faccia parlare di lui i giornali».
Fu convocato il capo dell’ufficio-strategie. «Ci vuole un intervento clamoroso, su un tema caldo», sentenziò.
«Per esempio?», chiesero i tre.
«Per esempio sui migranti: potrebbe dire che mettono a rischio la razza bianca».
«Ma è una cazzata. Siamo sicuri? Ci daranno dei razzisti, ci spareranno addosso da tutte le parti…», obiettò timidamente Berlusconi.
«E allora?», replicò Salvini, «Fontana finirà sulle prime pagine di tutti i giornali. Non è quello che vogliamo? E poi: non tutti gli spareranno: vedrai che i nostri, da Feltri a Belpietro, troveranno le parole per difenderlo.

E alla fine, dopo che Fontana sarà diventato famoso, diremo che è stato un lapsus…»

Il più colto dei tre, Berlusconi, lo interruppe: «Ma dai! Anche questa è una cazzata. Un lapsus è un errore di pronuncia o di scrittura: viene dal latino, lapsus calami o lapsus linguae, errore involontario di penna o di lingua, che altera il senso di una parola. Qui invece è tutto un concetto…»
«Lascia perdere il latino, che è roba vecchia. Il concetto può essere espresso meglio ma non è una cazzata» intervenne la Meloni.
Berlusconi insistette: «È come dire che in America Obama ha messo in pericolo la razza bianca. La mette molto più in pericolo Trump, citando il suo bottone più grande del mio. È un lapsus che può causare la fine del mondo. Il nostro per fortuna si limita alla fine della razza bianca».
Fu così che la domenica seguente, confortato dalla sostanziale condiscendenza di amici e alleati, Attilio Fontana sparò la sua cazzata dai microfoni di radio Padania.

Paolo Occhipinti

Giornalista, ex direttore editoriale di Rcs, ex direttore del settimanale Oggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *